QUALE PIANO DI LAVORO SCEGLIERE?

Giu 26, 2021 | News | 0 commenti

Il top per cucine rappresenta un componente fondamentale . Si tratta di un elemento con cui abbiamo a che fare ogni giorno, dalla preparazione di una semplice colazione alle cene più importanti.
Chiamato anche “piano cucina”, ormai famoso come “top”, indica appunto la parte più alta della cucina, che viene adibita a piano di lavoro.

I motivi che ti porteranno ad acquistare un determinato top per il tuo piano cucina sono diversi. La ricerca del piano ideale deve condurre ad una scelta che sia la sintesi di diverse peculiarità tecniche e di aspetti che possano venire incontro a tutte le tue esigenze: oggi abbiamo a disposizione soluzioni altamente performanti, soprattutto in termini di qualità e resistenza, che non trascurano il valore estetico e nemmeno il prezzo.
Facciamo una premessa: non esiste un materiale perfetto…va scelto in base alle proprie esigenze, stile e identità che si vuole dare alla cucina.

 

LAMINATO, LEGNO E HPL STRATIFICATI

  • I top in legno sono esteticamente molto gradevoli e invecchiano bene, ma temono l’umidità e possono cambiare colore all’esposizione della luce solare.
  • I piani in laminato ABS, non hanno rivali in termini di convenienza sono disponibili in un’ampia gamma di colori e di prezzo.
    Hanno una buona resistenza a graffi e agli urti, ma non offrono un’elevata resistenza al calore e possono nel tempo deteriorarsi sul bordo.
  • Il piano in HPL, non è poroso, ed è più robusto dei laminati ABS perché sottoposto ad un trattamento ad alta pressione. La possibilità di utilizzare pannelli singoli per un’unica superficie permette inoltre di bloccare infiltrazioni di acqua, vapori e oli che causano in altri materiali rigonfiamenti e un veloce logoramento. Questa caratteristica dà anche un altro vantaggio: ai top in HPL è possibile integrare un lavello della stessa finitura creando una continuità con il piano di lavoro.
    Nonostante l’evoluzione della tecnologia e i continui studi su questo materiale, il suo tallone d’Achille rimane la poca resistenza alle esposizioni a fonti di calore.
  • Il Fenix è il materiale che ha spopolato per la sua accattivante resa estetica e la sua estrema versatilità che fa sì che possa essere utilizzato come superficie adatta per rivestire diversi complementi di arredo come tavoli, pensili, porte, piani cucina e bagno.
    Come top cucina, in particolare, regala una continuità senza pari perché può essere utilizzato per le ante e inoltre permette di integrare, senza giunture, il lavello al piano di lavoro.
    Come per i laminati, dai quali ha ereditato diverse caratteristiche come la resistenza all’usura e la facilità di pulizia, anche il Fenix è disponibile in tantissime nuance ma solo opache. Le resine di cui è composto lo rendono inoltre termoriparabile, ovvero è possibile rigenerarlo da piccoli graffi attraverso un trattamento di calore con un panno e un ferro da stiro.

 

QUARZO

Tra i materiali per piani cucina più di moda e utilizzati negli ultimi tempi c’è il quarzo, anche per il suo rapporto qualità-prezzo. Questo materiale non sorprende solo per la sua resa estetica, ma anche per la sua elevata qualità. Le eccellenti performance qualitative,hanno reso questa superficie igienica e durevole, quindi molto adatta ad essere utilizzata come piano di lavoro in cucina. Durezza, resistenza e versatilità sono le sue caratteristiche. Altamente performante, resistente alle macchie e facile da pulire, disponibile in tantissimi colori e nuance. È inoltre totalmente idrorepellente, non si gonfia e sopporta bene il contatto con tutti gli alimenti ad eccezione degli acidi contenuti in alcuni alimenti.
L’unico lato negativo del quarzo è la sua sensibilità al calore: la vicinanza a questo tipo di fonti può infatti creare problemi.

 

IL NOSTRO CONSIGLIO?

Prima di appoggiare una pentola calda sulle superfici, si consiglia infatti l’utilizzo di un sottopentola o tagliere!!

 

 

 

GRES PORCELLANATO

Molto resistente agli urti, inalterabile al calore, il gres porcellanato è un materiale impermeabile e resistente alle macchie. Superfici di grande effetto, grazie alla grande disponibilità di colori e texture. Come per i top in laminato sono disponibili effetti pietra, o effetti legno, così come superfici a colore continuo. Non cambia colore nel tempo, nemmeno se scegliete colori delicati come il bianco puro. Possibilità di realizzare con lo stesso materiale delle vasche integrate.
Questo è uno dei pochi top dove vi si possono realmente poggiare pentole bollenti, ma attenzione ai punti deboli…Gli angoli o le giunzioni con il lavello sottotop soprattutto se lo spessore del top è di 1,2 cm.

 

ACCIAIO INOX

L’acciaio inox è uno dei materiali più validi per realizzare un top cucina assolutamente igienico, atossico che non altera le qualità organolettiche dei cibi con cui entra in contatto. Non a caso è il materiale preferito nella realizzazione di cucine professionali usate nella ristorazione. E’ resistente al calore, agli urti e alle macchie e offre il vantaggio di poter integrare lavello e piano cottura in maniera continua alla superficie del top mediante saldatura che non lascia punti di giunzione visibili dove lo sporco può essere trattenuto e dove i batteri possono proliferare. I piani in acciaio sono abbastanza costosi soprattutto se integrano il lavello e i fuochi;
Ma anche per questo piano ci sono particolari aspetti su cui prestare attenzione…primo fra tutti la scarsa resistenza alle impronte e ai graffi.
Il calcare contenuto nell’acqua lo macchia se non asciugato perfettamente e quindi la pulizia del top può risultare laboriosa; il cloro se ristagna può ossidare la superficie; possono apparire aloni se vi sono stati contatti prolungati con sostanze corrosive.

 

PIETRE NATURALI

Il marmo è il più pregiato e ricercato, utilizzato fin dal passato, resiste all’usura e agli sbalzi di temperatura, ha una vasta gamma di colori e venature. Il fascino di una lastra di marmo risiede nella sua unicità di carattere e venature, sempre diverse e variopinte. Risaputo il suo punto debole con l’umidità e i liquidi acidi, questi alimenti vanno puliti subito o lasceranno un segno indelebile. Questo materiale infatti, è molto poroso, e per quanto possa essere trattato con prodotti specifici volti ad aumentarne l’impermeabilità, tale caratteristica rimane.
il granito ha come caratteristica principale la sua durezza. Resiste all’umidità ed è una delle pietre naturali più robuste. Come avviene per il marmo, anche il granito presenta una certa porosità, ma a differenza del primo, resiste brillantemente agli acidi. Il granito è la scelta ideale per tutti coloro che usano molto la cucina e vogliono un piano su cui lavorare senza preoccupazioni.

 

CORIAN

Il Corian è un materiale sintetico, una resina, la cui caratteristica é la realizzazione in diverse forme senza giunzioni eliminando le fughe.
Il Corian può essere realizzato in varie colorazioni monocolore.
Da quando è stato introdotto sul mercato, si è dimostrato un materiale di facile manutenzione e di grande durevolezza. Non si sfalda, è resistente alla luce diretta del sole e il suo colore si mantiene immutato nel tempo
La superficie ha una buona resistenza alle macchie in genere; ciò nonostante si sconsiglia l’utilizzo di prodotti chimici aggressivi.
Teme il calore molto forte (bisogna usare i sottopentola e una vaschetta per l’acqua bollente) non resiste molto ai graffi ma il suo grande vantaggio risiede nella possibilità di essere ripristinato e fatto tornare come nuovo da tecnici specializzati nel Corian.

 

In conclusione…

non esiste un materiale indistruttibile o perfetto…bastano alcune accortezze e un qualsiasi top vi durerà una vita. Spetta soprattutto a voi la durata e la qualità della loro vita !!!

_______________________________________________________________________

Buona scelta!!!

 608 visite totali

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments